Robot Aspirapolvere

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Le nuove tecnologie sono sempre all’avanguardia e ci permettono di semplificare molto la nostra vita, specialmente per quanto riguarda le pulizie a casa.

Un’invenzione davvero utile è stato il robot aspirapolvere, un elettrodomestico che può essere attivato e lasciato agire da solo, senza la necessità di qualcuno che sia li a monitorarlo costantemente.

Se ti stai chiedendo come sono fatti questi robot rifletti un attimo e capirai di averli già visti nei negozi di elettronica.

Sono quei dischi che si spostano in giro per la casa andando a pulire in modo autonomo. Potrai programmarli e decidere tu quando farli partire e decidere quando si devono fermare.

Di seguito una tabella dei migliori robot aspirapolvere. Valutazioni, recensioni, specifiche e prezzo su Amazon.it

Foto Robot Aspirapolvere
Ariete Briciola Robot Aspirapolvere
Hoover Robot RBC009 011
iRobot Braava 380
IROBOT ROBOT ROOMBA 775
iRobot Roomba 650
iRobot Roomba 620
iRobot Roomba 760
iRobot Roomba 770
iRobot Roomba 780
Neato Robotics XV Signature
LG VR6270LVM
Ariete Eco Power 2797
Samsung SR8950
Samsung SR8874
Philips FC8800/01
Vileda 137173
Samsung SR8980

Perché comprare un robot aspirapolvere

Sono molti i motivi per i quali un prodotto di questo tipo merita di essere acquistato.

Primo tra tutti la sua autonomia. Si tratta infatti di oggetti che funzionano in totale autonomia e non è quindi necessario che tu stia li a manovrarlo spostandolo di volta in volta sulle aree che hai bisogno di pulire.

Riescono anche a fare pulizia sotto i mobili presenti nella casa (attenzione all’altezza del mobile!). Il loro costo è un po’ più elevato rispetto agli aspirapolveri tradizionali ma questi soldi sono comunque ben spesi, infatti i robot aspiranti ti permetteranno di programmarne l’accensione e lo spegnimento, facendoti trovare tutti i pavimenti di casa ben puliti una volta tornato dal lavoro.

Guida all’acquisto di un robot aspirapolvere

robot aspirapolvere

I robot aspirapolvere sono un oggetto che tutti quanti vogliono avere a casa.

Per andare ad acquistarne uno dei modelli migliori e qualitativamente più affidabili è necessario iniziare a conoscerli meglio, andando ad analizzare quelle che sono le loro principali caratteristiche tecniche. Conoscerne la potenza, l’autonomia, la capacità ed il funzionamento andrà ad aiutarti nel fare la scelta migliore acquistando il modello più adatto a te. Questi valori li troverai sempre indicati nella scheda tecnica dei vari prodotti.

La forma

Iniziamo a conoscere questi particolari elettrodomestici, partendo da un’analisi di quella che è la loro forma.

Si tratta di elettrodomestici dalla forma circolare, che può essere più o meno grande. Se ti stai chiedendo il perché della scelta di una forma rotonda è presto spiegato: la mancanza di angoli permette una libertà di movimento che non si otterrebbe utilizzando una qualsiasi altra forma.

La potenza

Per ottenere ottimi risultati, in fatto di pulizia, è necessario che il robot aspirante, sia dotato di una certa potenza.

Controlla sempre nella scheda tecnica del prodotto per capire quella che è la potenza del prodotto al quale ti stai avvicinando. Nei modelli migliori noterai che sarà presente anche la possibilità di utilizzare più livelli di intensità, che saranno vincolati al tipo di sporco che hai intenzione di andare ad eliminare.

Ricordati sempre che se non liberi il contenitore dell’aspirapolvere dallo sporco questo andrà inevitabilmente a rallentare la sua funzione aspirante. Lo stesso accade quando la batteria è vicina al limite massimo della sua autonomia.

Capienza del contenitore

Quando andrai a scegliere il modello di aspirapolvere robot ricordati di controllare sempre quella che è la capienza del suo vano raccogli sporco.

Non utilizzando il sacchetto questo tipo di prodotto va a raccogliere tutto lo sporco che aspira in un vano contenitore. La capacità di questo è vincolante all’autonomia dell’aspirapolvere stesso, infatti quando sarà quasi colmo la sua potenza si ridurrà sensibilmente.

La capienza del contenitore varia in base al modello scelto, ad esempio in un robot di fascia media sarà intorno al mezzo litro. Scegli il tipo di robot aspiratore che meglio vada a soddisfare quelli che sono i tuoi bisogni, perché sceglierne uno di fascia bassa solo per risparmiare potrebbe far sì che tu ti trovi con un prodotto poco performante.

Display

Non si tratta di un aspirapolvere tradizionale, ma di un robot, e come tutti i prodotti di questo genere che si rispettino è dotato di un display.

Questa parte avrà il compito di renderti facile il suo utilizzo, infatti sarà qui che potrai andare a gestirne il funzionamento. I robot aspirapolvere sono infatti un prodotto davvero innovativo, che può essere programmato e non sarebbe possibile farlo se non esistesse il display, dove visualizzare queste informazioni.

I modelli migliori sono dotati di un visore che sia facile da leggere e quindi piuttosto luminoso e di dimensioni che non siano troppo contenute. In commercio ne troverai molti e tra questi ci sarà anche quello che fa al caso tuo.

Autonomia

L’utilizzo di una batteria per funzionare ha un solo svantaggio, quello legato all’autonomia.

Non avendo a disposizione un’alimentazione continua, il loro lavoro sarà in qualche modo limitato a quella che è l’autonomia della batteria. Questo aspetto sarà influenzato molto da quello che è il livello di potenza a cui lo utilizzerete, infatti facendolo andare a tutta potenza la batteria si scaricherà più velocemente.

I valori medi circa l’autonomia, che si trovano elencati nella scheda tecnica dei vari prodotti, sono di solito intorno ai 50 minuti un’ora. Un aspetto negativo di una scarsa autonomia è che spesso il robot non riuscirà a pulire in modo completo la vostra casa e sarete costretti a ricaricarlo per finire il lavoro.

Rumore

Uno dei vantaggi offerti dai robot aspiranti è di poterli usare in momenti inimmaginabili, come quando si dorme e per questo è necessario che emettano pochissimo rumore.

Il livello di emissioni dei robot, che vengono espressi in decibel, sono un valore essenziale da tenere presente, perché se vuoi utilizzarlo quando ti trovi a casa e leggi un libro e guardi la tv e di certo non avrai voglia di sentire come sottofondo il noioso rumore di un aspirapolvere in funzione.

Inoltre ti ricordo che se vivi in un condominio la scelta di un prodotto silenzioso è quasi un obbligo, per mantenere buoni rapporti con il vicinato.

Filtri

Questo punto è importante per i soggetti allergici e per chi vuole mantenere una buona qualità dell’aria mentre pulisce i suoi pavimenti.

I filtri, per poter andare a funzionare nel modo migliore e svolgere così a pieno quello che è il loro lavoro, devono sempre essere puliti. Per farlo è importante che possano essere smontati e rimontati in modo semplice. Una volta tolti dal corpo del robot potranno infatti essere puliti semplicemente sotto il getto dell’acqua.

Ricordati che se invece hai optato per un modello di filtri usa e getta, che questi andranno sostituiti in modo periodico. Dei filtri sporchi andranno infatti a limitare quella che è la potenza aspirante del robot, che in questo modo non pulirà bene.

Accessori e ricambi dei robot aspirapolvere

Anche se si tratta di robot, che apparentemente sembra funzionare in modo completamente diverso dai prodotti tradizionali, anche questi prodotti sono dotati di accessori.

Quando compri un robot domestico ti consiglio di vedere se sono a disposizione filtri, muri virtuali, spazzole e batterie. Nelle marche meno note, potresti avere difficoltà a reperire i ricambi, che una volta usurati o rotti dovrai cambiare. Se questi non fossero disponibili, il tuo robot rimarrebbe inutilizzato.

La metratura della casa

Un aspetto importante da tenere a mente quando si va a scegliere un modello di robot aspirapolvere è la metratura della casa da pulire.

Se la tua casa ha un’ampia metratura, sarà importante che il robot abbia una autonomia buona della batteria, altrimenti lo troverai molto spesso nella base di ricarica e dovrai attendere la carica prima che ricominci a pulire. Di solito in meno di un’ora riesce a pulire dai 40 ai 50 mq.

Il sistema di pulire

In base a quello che è il tipo di sporco che hai la necessità di andare ad aspirare, ci sono vari sistemi di pulizia.

Ad esempio ci sono alcuni modelli di robot che utilizzano un sistema apposito di pulizia che permette di aspirare anche i frammenti di sporco dalle dimensioni più piccole, come ad esempio le briciole. Queste si vanno ad insinuare ovunque nella casa ed è opportuno eliminarle velocemente perché sono queste una delle cause primarie delle invasioni da parte delle formiche.

Altri invece escludono l’aspirazione dei capelli, che potrebbero finire nelle spazzole impigliandovisi ed andando così ad ostacolarne il corretto movimento.

Tipo di superficie da pulire

Le superfici che possono essere pulite con un robot aspirapolvere sono molte ed ognuna necessita di un sistema di pulizia diverso.

In commercio ci sono alcuni modelli di robot che hanno la capacità di riconoscere in modo automatico la superficie da pulire. Questi sono capaci di passare da una modalità all’altra di pulizia da soli, solamente avvertendo il cambiamento della superficie. Si tratta però di modelli più costosi rispetto alla media.

La programmazione

I robot aspirapolvere sono dei prodotti di ultima generazione ed è possibile andare a programmarli in base a quelle che sono le tue specifiche esigenze.

Questa è piuttosto semplice e intuitiva da fare in quasi tutti i modelli e viene gestita attraverso il display. La possibilità di programmare il funzionamento del robot è molto importante perché ti permetterà di decidere quando andare a farlo lavorare, meglio se quando non sei in casa, così al tuo ritorno troverai tutti i pavimenti perfettamente in ordine.

È un aspetto che è sempre presente in tutti i modelli di alta qualità e maggiormente all’avanguardia.

Mappatura della stanza

Facciamo un esempio che riguarda il Roomba: il modello 560 pulisce la casa quasi interamente in modo casuale: contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non si costruisce delle mappe della stanza o della casa. In questo caso la pulizia sarà più lenta ed imprecisa, ma il costo del robot domestico sarà minore.

Le versioni più recenti (come il Roomba 980) non usano la pulizia casuale, ma hanno un approccio molto più intelligente chiamato VSLAM (visione simultanea localizzazione e mappatura). Usano delle telecamere a infrarossi per scattare delle istantanee della vostra camera,  così da riuscire a costruire un quadro ben preciso del luogo da pulire, riconoscendo dove sono già stati e dove stanno andando. Ciò significa che la pulizia sarà più accurata e veloce.

Questi modelli avanzati anche se vengono fermati, riprenderanno da dove avevano lasciato la pulizia.

Muro virtuale

Molto spesso ti troverai a dover decidere di bloccare alcune aree della casa dove il robot domestico non deve andare, ma come fare? Si utilizzano dei muri virtuali, cioè dei dispositivi che vengono letti dal robot per cui l’unità non passa questa barriera invisibile. Di solito vengono forniti alcuni muri in dotazione, ma si possono comprarne altri come accessori.

Ricordati che un muro virtuale, per funzionare, ha bisogno delle batterie.

Ritorno alla base

Un altro dubbio circa l’uso di questi prodotti è se questi continuino a muoversi per casa in modo perpetuo anche una volta finito il loro lavoro.

La risposta è no. Una volta terminato quello che è il loro compito o una volta che è stato raggiunto il limite temporale per le pulizie che avrai impostato, il robot tornerà alla sua base. In questo modo infatti sarà sempre disponibile e potrà essere utilizzato di nuovo non appena ce ne sarà bisogno, evitando di correre il rischio di trovarlo scarico proprio quando ti serve di più.

Per essere certo controlla però sempre nella scheda tecnica se questa sia una caratteristica presente nel modello che vuoi acquistare.

Sensori di rilevamento sporcizia

I robot aspiratori, anche se si muovono senza un collegamento diretto con la rete elettrica, hanno necessità di appoggiarsi ad una base, la quale va sempre tenuta agganciata ad una presa di corrente.

Per andare ad ottimizzare i costi è quindi opportuno andare a sceglierne un modello che faccia le pulizie in un modo ben preciso, evitando di ripassare più e più volte in zone già pulite. I modelli di aspirapolvere robot che lo fanno sono quelli che sono dotati di sistemi di sensori che rilevano la sporcizia.

Ti consiglio di spendere qualche soldo in più ma di acquistarne un modello di questo tipo, che alla lunga andrà a ridurre i tuoi consumi energetici.

Potrebbe interessarti anche il robot lavapavimenti

La manutenzione del robot aspirapolvere

Se sei sicuro che da questo momento in poi alle pulizie dei pavimenti di casa ci penserà un robot, ti ricordo che tu ti dovrai occupare però della sua manutenzione.

Non si tratta di niente di impegnativo, ma per mantenere il tuo elettrodomestico efficiente e per garantirne una lunga vita ci sono delle cose che devi fare. Quando svuoti il vano raccogli sporco ricordati di  dare una pulita anche alle spazzole per eliminare eventuali ostacoli che possano andare a bloccarle in futuro. Per questo motivo è consigliabile andarne ad acquistare un modello dove queste possano essere montate e smontate in modo semplice, senza che sia necessario andare a fissare viti o perni di qualsiasi genere.

Anche la pulizia dei filtri ed una controllata generale all’apparecchio ti aiuteranno a mantenere le sue performance come quelle al livello del suo primo utilizzo.

Quanto tempo occorre per pulire?

Questa domanda è molto ricorrente e va a vincolare vari aspetti, primo tra tutti quello legato al consumo energetico.

Non c’è una risposta univoca, infatti il tempo necessario per la pulizia di una casa dipende da vari fattori, a partire da quella che è la sua metratura, una casa grande di certo richiederà più tempo per una pulizia completa. Altro aspetto che influisce è la potenza dell’aspirapolvere stesso, al quali si affianca quello che è il tipo di programma di pulizia selezionato.

Anche il livelli di sporco che si trova sui pavimenti è da tenere presente, infatti se il materiale da aspirare sarà molto il robot non potrà di certo fare miracoli. Impostando programmi come quello che evita che l’aspiratore robot vada a ripassare su zone che sono già state pulite, si andranno a diminuire ulteriormente i tempi per una pulizia completa.

Come usare al meglio i robot domestici

Andiamo adesso a vedere come poter andare ad ottimizzare al massimo quelli che sono i vantaggi che si vengono offerti da questa tipologia di prodotti.

Usandoli nel modo migliore e facendo un po’ di attenzione riuscirai infatti ad ottenere livelli di pulizia di alta qualità, in tempi non eccessivi, andando così anche a risparmiare su quella che è la bolletta elettrica. Per esempio eliminare gli ostacoli che possano andare ad ostacolarne il lavoro è uno di questi, ma andiamo ad analizzarli meglio insieme ed in modo più dettagliato.

  • Pulire lo sporco più grosso

Se vuoi andare ad ottenere il meglio dal tuo robot aspirapolvere uno degli aiuti più importanti che puoi andare a dargli e quello di eliminare lo sporco più grosso.

Ci sono alcuni tipi di sporco che richiedono una maggiore quantità di tempo per essere raccolti e che vanno anche a riempire in modo più veloce quello che è il vano raccogli sporco, con tutti gli aspetti negativi che ne conseguono.

Anche andare a raccogliere oggetti di piccole dimensioni che potrebbero essere aspirati dal robot è un’altra cosa che puoi andare a fare, anche perché questi sono uno dei principali pericoli che possono portare ad un blocco del motore, con conseguente stop alle operazioni di pulizia.

  • Spostare gli ostacoli

Altra cosa molto utile da fare, del quale il tuo robot ti ringrazierà, è quella di andare a spostare eventuali ostacoli.

Quasi tutti i modelli di robot utilizzano i sensori, che li aiutano a visualizzare gli ostacoli in modo da poterli evitare, ma purtroppo anche se riescono agevolmente a muoversi intorno alla gambe di un tavolo non è detto che riescono a farlo altrettanto agevolmente intorno a quelle delle sedie. Per questo posizionarle appoggiate sul tavolo, raccogliere i giocattoli del piccolo di casa o togliere di giro oggetti ingombranti posizionati in modo temporaneo qua e la è una cosa opportuna da fare. Non dovendo destreggiarsi intorno a questi ostacoli il robot lavorerà meglio e più velocemente.

  • Una stanza alla volta

Per ottenere i migliori risultati possibili utilizzando un robot aspirante un consiglio da seguire è quello di procedere nella pulizia della casa, una stanza per volta.

Ti sarà sufficiente chiudere il robot in una stanza o posizionare i muri virtuali e lasciarlo lavorare. In questo modo non sarà obbligato a fare soste per doversi andare a ricaricare, ed anche il vano raccogli sporco si riempirà più lentamente. Non appena avrà finito di pulire uno stanza, svuotalo e spostalo in un nuovo ambiente della casa.

Pulire il robot domestico

Una corretta e costante manutenzione garantirà al tuo robot una lunga vita.

Ogni qual volta lo utilizzi ricordati sempre di andare a svuotarne il vano raccogli sporco, in modo da garantirne il massimo in fatto di tiraggio. Ma la parte che necessita di una maggiore attenzione è quella delle spazzole. Queste infatti sono quelle a diretto contatto con i pavimenti ed è opportuno controllare che nessun residuo di sporco ne vada ad ostacolare quello che è il corretto funzionamento.

Per questo motivo ti consiglio di andare a smontarle periodicamente. Questa azione sarà più semplice se il tuo robot non usa, per fissare le spazzole, delle viti, infatti in questo modo sarà semplice andare a sfilarle e rimontarle poi nella posizione corretta.

Robot aspirapolvere prezzi

Una volta che avrai conosciuto quelle che sono le caratteristiche tecniche, il modo corretto di utilizzo e le varie specifiche di questo tipo di prodotto ti verrà da chiederti quanto potrà mai costare una meraviglia simile.

In commercio troverai molti modelli di robot aspiratore, dalla caratteristiche diverse tra loro e saranno questi aspetti che faranno la differenza anche per quanto riguarda il prezzo. Sta a te valutare fino a quanto ti convenga spendere, in relazione soprattutto a quelli che sono i tuoi bisogni.

Se hai una casa piccola ti sconsiglio di acquistare un robot potentissimo perché riuscirai ad ottenere un ottimo risultato anche con un modello che lo sia di meno.

Vantaggi

Qua di seguito troverai un elenco di quelli che sono i principali vantaggi che otterrai andando ad utilizzare un aspirapolvere robot.

  1. La possibilità di programmarlo ti permetterà di poter utilizzare questo prodotto anche quando non sei a casa
  2. Stando comodamente seduta in poltrona a leggere un libro o a guardare i tuo film preferito, riuscirai a pulire i tuoi pavimenti, grazie al tuo amico aspirante.
  3. Non ti obbligherà più a chinarti per fare le pulizie dei pavimenti e anche andare a pulire sotto i mobili (di una certa altezza) diventerà semplicissimo.
  4. Non utilizza il sacchetto e di conseguenza quando lo sporco raccolto inizierà ad accumularsi potrai semplicemente svuotare il contenitore raccogli sporco nella pattumiera.
  5. In commercio ne troverai da molti prezzi e di molti livelli di potenza e vista la vastità della gamma di certo non avrai difficoltà a trovarne un modello che metta d’accordo le tue esigenze ed il tuo conto in banca.

Svantaggi

Non è tutto oro quello che luccica ed anche i robot aspirapolvere hanno qualche piccolo svantaggio. Vediamo i principali.

  1. Il vano raccogli sporco non è grandissimo e ti obbligherà a vuotarlo di frequente.
  2. Al contrario degli aspirapolvere tradizionali hanno bisogno di una maggiore manutenzione. Le ruote e soprattutto le spazzole andranno infatti pulite dallo sporco accumulato, almeno una volta a settimana. Si tratta però di un operazione semplice che si fa in pochi minuti.
  3. La loro base deve stare attaccata alla presa di corrente. Il costo in bolletta è minimo, ma è comunque presente.
  4. Non sempre sostituisce totalmente i comuni aspirapolvere.

 

Ti piace? Condividi l'articolo.

Nessun Commento

Agiungi il tuo